Lettera ad una carissima amica

Carissima Amica, stamani mi sono svegliata alle 4,30 e non sono più riuscita a dormire. Mi sono messa a leggere: “Non siamo capaci di ascoltarli” di Crepet. Inutile dirti che sto male, molto. Presa fra la morza di un dolore personale che non mi lascia mai, che riparte sempre dalla ferita inferta e va sia a ritroso che avanti in un turbinio di sensazioni dolorose. Continuo a pensare che la mia vita è stata in qualche modo stroncata, interrotta da un imbecille e che non potrò mai più riaverla. Le solite parole, i soliti dolori dell’anima che non mi lasciano mai e che a volte li appoggio in qualche angolo, come un bagaglio all’aereoporto, tenuto sempre sotto controllo per non perderlo. E’ inutile ragionare “razionalmente” non mi serve. Lo sento, è un dolore primitivo, devastante, oggi abbastanza contenuto, ma non completamente, perchè continua a immobilizzarmi, a procurarmi ulteriori dolori con i mie continui sbagli, estendendolo alla persona per me più importante al mondo: mio figlio. A volte stanca di questa vita penso alla morte come una grande liberazione. Pensiero egoista e vigliacco lo so, ma la mia poca capacità di sopportare il dolore, mi fa incontrare spesso questa mia parte. Ancora una volta mi permetto di allontanarmi soltanto per non lasciare solo mio figlio che è contemporaneamente Amore e fatica. Mentre ieri guardavo a lui con contemplazione per non perdermi niente di ogni sua età, oggi guardo a lui sperando di vederlo crescere in fretta. Questo meccanismo genera sicuramente instabilità affettiva, incoerenza, incapacità appunto “ad ascoltarlo”. La fatica che io provo per arrivare in fondo alla giornata comunica a lui, il desiderio di vederlo grande prima possibile, come se questo mi “liberasse” dall’essere genitore. E’ indubbio che questo passi anche a lui e di conseguenza il terrore di perdere anche me, oltre a colui che in qualche modo ha già perso: ” suo padre”. Cara amica sono molto stanca di tutto e con molta fatica arranco per proseguire in questa mia vita che non mi piace più da un bel pò di tempo e dalla quale spesso tento di sfuggire, facendo molto male anche a mio figlio. Non sono stata con lui molto brava e continuo a non esserlo. Spesso scelgo me invece di lui. Spesso dico parole che non dovrei dirgli. Spesso mi accorgo che il gioco fra il desiderio e il terrore di perderlo lo faccio pagare a lui e tutto questo mi scaraventa in un buco nero dove mi perdo e non so come riemergere nè se lo voglio.
Carissima amica, oggi sei l’unica detentrice di un dolore così devastante e conoscendoti non so davvero se questo sia giusto. Se sia giusto coinvolgerti in questa conoscenza che di sicuro ti addolora e ti affatica, mentre in realtà ho desiderio di aiutarti nella tua liberazione. Mi consola un pò il fatto che spero con questo mio modo di condividere con te il dolore, io possa dirti: “ecco io sono quasi nuda davanti ai tuoi occhi, può darti ciò l’opportunità di fare altrettanto, se ne avrai bisogno? E’ difficile dare agli altri ciò che ci è permesso vedere dal di fuori, ma per me è invece un grande segno di amicizia che vado cercando da molto tempo. Colei o colui che ha la forza di metterti davanti a te stessa, quando per te diventa difficile. “Chi trova un amico, trova un tesoro”. Mai frase è stata più vera per me in questo momento…
A presto, mia carissima amica, il giorno è già la fuori, pronto che mi sta aspettando, ed io non so con certezza se desidero incontrarlo…di sicuro so di voler esserci quando suo padre riporterà a casa mio figlio…
Un abbraccio.

About these ads
Explore posts in the same categories: Appunti sui Polsini

4 commenti su “Lettera ad una carissima amica”

  1. michelangelomerisi Dice:

    Lettera “dura”, carica di ogni sentimento possibile e del suo contrario. Vi si può leggere la stanchezza e la speranza, l’amore ed il disprezzo, la pazienza e l’insofferenza, il buio tetro e la luce accecante. Tutto vi si può leggere, ogni sentimento dello scibile umano. Questo ha un significato : sei una donna che ha vita, per questo l’hai potuta donare ed anche per questo rimani aggrappata ad essa. E’ giusto così. Ognuno di noi ha avuto esperienze più o meno forti, qualcuno, come mi pare di capire sia il tuo caso, ne ha avute di quelle che ti cambiano la vita. Sono queste esperienze e le situazioni ad esse collegate che portano a fare delle scelte. Purtroppo succede che sia quasi sempre la donna a subire il peso di tali scelte. D’altronde non è casuale che sin dall’antichità parliamo di “madre natura”. Ogni cosa, di cui leggo su queste pagine, trasuda amore, ed anche di bisogno d’amore, non solo di quello filiale. Vorrei dire tanto anche su questo, però la tua lettera, anonima amica, fà pensare molto, ed al pari, intristire l’anima. Ma questo non deve essere, mai, per nessuna ragione al mondo ! Se concediamo troppo spazio all’oscurità dell’anima è la fine ; essa è necessaria per capire i passaggi cruciali della nostra vita, ma deve essere e rimanere, solo il breve intervallo fra due giorni di sole…

  2. maria imma Dice:

    ma come dv fare una lettere…voglio una manoo…uff…

  3. maria imma Dice:

    aiutooo fatemi una letteraaa x l’esameeee…

  4. atlantide Dice:

    Cara Maria Imma un pò in ritardo ti rispondiamo, ma abbiamo la certezza che tu il tuo esame sarai riuscita farlo. Le lettere mia cara vengono dal cuore, altrimenti diventa molto difficile per tutti scriverle


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: