Dolore

Ogni volta che entrava in quella casa dove erano rimasti lei e suoi figlio, vomitava. E ogni volta che suo figlio era accanto a lei, cercava di riprendersi per non farlo soffrire.
La mattina si era alzata arrabbiata. “E’ uno stronzo, è rimasto vicino come uno stronzo. Non ha visto niente di me. Lui pensa che si è sacrificato e che non gli ho dato quello di cui aveva bisogno. Si giustifica e giustifica le sue azioni.”
La rabbia saliva devastandola. Non poteva mangiare. Era piena della sua tragica sensazione. Si stava arrabbiando anche con suo figlio. Il ragazzino avevo preso un atteggiamento regressivo, mentre lei avrebbe avuto bisogno che fosse già grande. Egli era sensibile, capace di grandi domande, ma soprattutto bisognoso di autenticità e di valori. Come se la sarebbe cavata in un mondo privo di punti di riferimento? Come avrebbe potuto fare per ridare a lui la certezza di esserci?
Aveva bisogno di tacere, di rimanere ferma a fare silenzio dentro. Voleva vivere lentamente il suo dolore, prenderlo a piccole dosi , come un veleno, per abituarsi.
In quel periodo le poteva capitare qualunque cosa, tanta era la confusione che aveva dentro.
Aveva bisogno di trovare nuove amicizie, ma sapeva di non poter dare niente. Lei poteva condividere solo i vuoti che sentiva dentro e che non sopportava.
Ogni tanto ritornavano i ricordi. Pezzi di frasi, immagini, gesti che lui aveva fatto. Nuovamente la nausea tornava e il suo corpo riprendeva il disfacimento. Tutto era senza il minimo rispetto. Solo il disprezzo e la distruzione; momenti terribili, dove la rabbia saliva dal profondo delle viscere, desiderando per lui e per la sua amante, il peggior male del mondo..

Annunci
Explore posts in the same categories: Appunti sui Polsini

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: