-Questi strani padri

Come si fa ad accettare che il padre di tuo figlio con il quale hai vissuto per ben quindici anni, e condiviso tutto di te stessa, era solo falsità? Come si fa ad accettare che lui ti odia perchè “lui” aveva l’amante e tu lo hai messo fuori di casa, pretendendo tutti diritti e assunzioni di responsabilità nei confronti di tuo figlio? Come si fa, quando una storia finisce perchè lui ha un’altra donna, a non comprendere che è una ferita profonda e che l’altra persona ha bisogno che rimanga un rispetto, un affetto, un aiuto per andare oltre e tentare un possibile rapporto affettivo come genitori? Come si fa a non vedere che se tuo figlio rimane tranquillo, cresce sano, non depresso, che ti è possibile vederlo spesso, anzi quanto vuoi, c’è dietro una mamma che è stata capace di risollevarsi, di continuare, di rimanere un punto fermo, anche quando tu te ne sei andato, di separare la propria storia da quella di genitore, e tu anzi invece di apprezzare, critichi e non sopporti? E’ forse perchè tu e l’altra persona, adolescenti perenni, avete bisogno di vivere la vostra storia senza bastoni fra le ruote, e un figlio diviene un peso, un limite al tuo sfrenato egoismo? E ciò che dai a tuo figlio in termini di tempo e di denaro, ottenuto con avvocati profumatamente pagati, costretta a scivere su un foglio, lo ritieni una grande concessione della tua vita, anzichè um tuo bisogno e un tuo desiderio? Perchè non vedi l’ora che lui cresca e che tu possa vederlo meno possibile e a quel punto tu possa “licenziarti” come padre, perchè ritieni la partita conclusa? Come si fa a non comprendere che il tuo comportamento obbliga tuo figlio ad un  maturità precoce, perchè l’adolescente sei tu e non lui? E’ lui che è costretto a comprendere te e non viceversa? Io tutto ciò non lo concepisco. Ogni storia fra un uomo e una donna può terminare, e anche se è uno dei due che la chiude, l’assunzione di resposabilità nel non funzionamento dipende probabilmente da ambedue, ma un’altra cosa e continuare a provare affetto verso l’altro e rimanere su un piano di grande rispetto per continuare ad essere genitori, e questo te lo permette il profondo amore per tuo figlio, ecco perchè penso che quando questo non si verifica l’amore per un figlio è o troppo o troppo poco.

Doretta

Annunci
Explore posts in the same categories: Lettere ad Atlantide

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: