-Carissima amica del partito democratico…

Carissima amica, comprendo molto bene ciò che vuoi dire. L’organizzazioni dei partiti politici sono completamente immobili, chiusi in un loro mondo, e non solo a Roma, ma in ogni parte. I partiti più distanti dai problemi delle semplici persone, sono proprio quelli di sinistra, in fondo Berlusconi è stato il solo ad aver compreso la nuova cultura degli italiani: una vita agiata e benestante che riguardasse soltanto noi stessi, il vicino di casa o di lavoro, che si arrangiasse. La sinistra avrebbe i valori, l’etica, giusta, ma da troppo tempo gestisce la sua organizzazione come se questa appartenesse esclusivamente a coloro che ne fanno parte, senza rendersi conto che tutti noi siamo di passaggio, e che niente ci appartiene, tanto meno un partito che intende dare valori di libertà, di uguaglianza e di democrazia. Non si può parlare in un modo e poi avere un’etica sulla propria vita diversa, individualista, più somogliante alla destra che alla sinistra. Le contraddizioni ce le portiamo dentro. Quando mi capita di partecipare a qualche riunione, mi trovo spesso insieme a molti uomini e quasi niente donne, quegli uomini che parlano sempre ognuno per conto loro, senza mai tenere conto di quello che ha detto l’attimo primo un’altro, tutti con lo stesso linguaggio, fatto di poca sostanza e di ripetizioni, e parlano dei problemi della società civile come se fosse cosa distante da loro. Speravo molto nell’incontro con i cattolici visto che la cultura femminile è stata fatta fuori sistematicamente da donne e uomini. Speravo che  avessero ancora il senso della sacralità dell’individuo, forse mi devo ricredere, forse tutti quelli che fanno politica da molti anni hanno il vizio di pensare che “loro sono il popolo eletto” al di là del  comportamento personale. In molti hanno smesso di pensare che c’è un’etica ed è quella del benessere dell’intera nazione, del mondo, che deve prevalere su tutti gli altri. Anch’io come te sarei potuta entrare nel partito democratico, ma non l’ho fatto perchè voglio ancora guardare quando si decideranno a mettere la testa fuori dalla porta e dalla finestra e guardare che fuori c’è un immenso mondo che chiede aiuto da molto tempo, e che è stanco di vedere uomini che si ingrandiscono nei muri ma che di grande non hanno più niente.

Rosa

Annunci
Explore posts in the same categories: Lettere ad Atlantide

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: