Sull’amore

“ll bello è che l’amore non finisce, se davvero è esistito. Rimane nei ricordi, in qualche cellula, in qualche meandro del cervello: ogni uomo insegna a una donna e ogni donna insegna a un uomo qualcosa. Non si può giudicare l’amore, occorre ascoltarlo per ciò che vivrà nella memoria. Contribuisce all’educazione sentimentale di ognuno. Cancellare, scordare, rimuovere rappresentano tentativi arroganti. Sarebbe come voler dar fuoco all’album delle fotografie della nostra vita. Si diventerebbe desolatamente più poveri, più ignoranti riguardo alla percezione di sé.Le conoscenze si accrescono solo attraverso il coraggio di sapere che si può sbagliare: l’amore che finisce rappresenta il più bell’errore della vita di ognuno, il lutto meno nero, il pianto più dolce. Come la morte, anche la fine di un amore non è per sempre. Occorre imparare a guardare oltre la siepe, oltre il cancello che si chiude e non preclude. Occorre rialzarsi. Anche l’amore che finisce sembra trasformarsi in una morte, invece è solo un sipario che cala tra un atto e l’altro della vita”.

Paolo Crepet

Annunci
Explore posts in the same categories: Caffè Letterario

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: