Che il mondo vada dove vuole…

Carissima amica, finalmente un pò di tempo per risponderti, anch’io presa molto dal lavoro per andare avanti e proseguire, in questi anni bui da tutti i punti di vista. Non avrei mai pensato di vivere momenti così poveri culturalmente e umanamente, pensavo ingenuamente che le nostre conquiste non avrebbe retrocesso, invece… Peccato per le generazioni future e per il nostro bel paese, ha perso tutto ciò che le donne per prime le avevano regalato. Io sto come al solito lavorando moltissimo per portare mio figlio alla maturità, dopodichè lo consegnerò a se stesso e al padre, prendendomi finalmente il mio spazio e se pur meno “ricca”, ma anche meno affaticata e questo mi piace di più. Intanto cerco di stare alla larga da quegli uomini e donne che si defniscono “politici”, lontano da tutto quell’impalcatura che con il tempo hanno costruito coloro che hanno resistito e sono rimasti attaccati a sedie, poltrone o feticci. Non amo neppure parlarne, non ascolto volentieri trasmissioni istituzionali, scelgo e penso, leggo e penso, scrivo e penso. Cerco di stare con persone che come me non intendono fare compromessi con i loro valori e a testa alta vado avanti per la mia strada, individuando uomini e donne in modo da camminare in piacevole compagnia per una strada opposta a  coloro di cui sopra. In questa strada che ti dicevo, a volte c’è un bel pò di persone, altre poche, altre volte sono sola, a fianco a me l’unica vera amica: “la morte”, che oggi mi permette di tentare ogni giorno di vivere il famoso “attimo fuggente”. Avere la consapevolezza della mortlità, mi porta in un luogo meraviglioso che prima non conoscevo, che spesso purtroppo perdo, ma che oggi altrettanto spesso ritrovo.
Non so che cosa farò, quando mio figlio se ne andrà per l’Università, cioè alla fine del 2011. Questo coincide anche con la mia pensione. Non credo che rimarrò qui dove sono adesso. Intendo trovare una piccolissima casa (e non so ancora dove) e poi viaggiare il più possibile. Che il mondo vada dove vuole, solo la natura può fermare questi stupidi uomini che non sanno fermarsi a pensare, ma sopratutto, non sanno imparare dai loro errori..

Explore posts in the same categories: Appunti sui Polsini

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger cliccano Mi Piace per questo: